• Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
Vota Questo Articolo

Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, sono sequestrati in India da più di otto mesi. Perché? Non si sa….sono stati accusati da sparare a due pescatori indiani, morti a causa di questi colpi, ai quali avrebbero scambiati per pirati. Ma sulla colpevolezza dei nostri marò, ad oggi, non si sa niente.

L’unica cosa che sappiamo è che le indagini sono piene d’incoerenze, il tribunale indiano rimanda una volta dopo l’altra le udienze e il governo italiano….beh, cosa dire, il governo italiano sta zitto e attende….fino quando dobbiamo attendere però…?

Il malessere tra marinai, soldati e società civile in generale cresce sempre di più causa l’immobilismo del governo sul caso di Girone e Latorre. A questo punto, forse bisognerebbe chiedere le dimissioni, voi cosa dite?

 

Ministri Italiani che non fanno nulla

Gruppo Fb: Ridateci i Nostri Leoni

Il Ministro degli Esteri non ha mai modificato il suo messaggio negli ultimi mesi, si è sempre mostrato fiducioso rispetto ad un pronto rientro dei marò che non è mai arrivato, inoltre ha sempre dichiarato la propria fiducia nelle autorità indiane….Fiducia? Ma che fiducia…..!!!!!

Il ministro continua a definire l’India come una “grande democrazia” . Complimenti.

In uno dei suoi ultimi interventi, terzi si è definito “sconcertato e allibito” in quanto non capisce come “uno Stato di diritto come l’India non riesca a esprimere con coraggio un giudizio in tempi rapidi che riporti a casa i nostri maro”. Forse proprio per questo motivo, è arrivato il momento di fare qualcosa.

L’India ha sempre mostrato un’attitudine di prepotenza in questa vicenda, ha sfidato fin dall’inizio tutte le leggi internazionali. Infatti, questo è uno dei punti maggiormente conflittivi nella vicenda: l’India considera che i due marò devono essere giudicati dai suoi tribunali mentre la UE e l’Italia difendono il contrario, visto che l’incidente è accaduto in acque internazionali.

Le leggi internazionali prevedono che i militari in missione all’estero, come nel caso di Latorre e Girone, godono d’immunità giacché al momento dell’incidente erano in servizio antipirateria in base ad accordi Nato. Oltre al codice sulle acque internazionali, a quello militare internazionale, a quello dell’Alleanza Atlantica e della lotta alla pirateria, l’India si e’ fatta (e si fa) beffe del fatto che Girone e Latorre sono stati sequestrati come Nuclei Militari di Protezione antipirateria (Nmp, Lg 130/2011), inseriti nei programmi Onu.

Visto che per noi, cittadini, è impossibile capire come siano necessari questi lunghissimi tempi per decidere dove processare i marò sarebbe buono che il nostro governo parlasse. Se c’è qualcosa che sta bloccando il rientro in Italia di Latorre e Girone, è arrivato il momento di dirlo, siano interessi economici, politici, ecc….Basta, i cittadini hanno bisogno e diritto a saperlo, soprattutto le famiglie che da 8 mesi desiderano abbracciare il loro cari a vederli tornare a casa.

 

 

Share and Enjoy


Leave a Reply