• Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
Vota Questo Articolo

Finalmente il giorno dell’udienza che vede imputati i due Fucilieri del Reggimento San Marco è arrivato e puntualmente ha deluso le aspettative di quanti speravano una decisione risolutiva del caso. Purtroppo, c’era da aspettarselo. L’udienza fissata per il 10 luglio è stata rinviata per permettere la traduzione degli atti processuali. Il rinvio ha indignato tutti gli Italiani che sostengono e partecipano emotivamente alla sorte di Massimiliano e Salvatore: alcuna accusa doveva essere sollevata ai due Militari Italiani e se proprio processo deve esserci, lo stesso, deve essere discusso in Patria.

foto: fanpage.it

La nuova udienza è stata fissata per il 17 luglio. Ma anche questa è un udienza del processo di merito. Processo che prevede il compimento di una serie di atti giuridici al fine di verificare la fondatezza dell’accusa. Tutti gli elementi raccolti dalle autorità investigative indiane vengono sottoposte anche all’esame della difesa dei nostri due compatrioti, che DEVE far rilevare incongruenze ed infondatezze. Infine, tutto il castello accusatorio e le contraddizioni evidenziate  dai nostri legali, saranno sottoposte al giudizio del magistrato chiamato a decidere la causa.

Il rinvio a parere di molti è semplicemente dilatorio. E’ probabile che l’aggiornamento ad una settimana sia in realtà motivato da ragioni di economia processuale, dovuti all’attesa della pronuncia definitiva sulla giurisdizione, fissata per il 26 luglio.

In effetti, al momento, l’udienza da aspettare con trepidazione è quella che stabilirà se la competenza a giudicare spetti all’Italia o all’India.

Attendiamo quindi il 26 luglio sperando ardentemente che si concluda in maniera positiva questo triste e buio capitolo della vita di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.

Vi aspettiamo Leoni.

Roberta De Luca –Ridateci i Nostri Leoni-

 

 

 

Share and Enjoy


Leave a Reply