• Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
Ricongiungimento Familiare Militari: Normativa per le Forze Armate 4.88/5 (97.50%) 8 Vota questo articolos

Ricongiungimento Familiare Militari

La normativa in ambito di ricongiungimento familiare militari è regolata da due leggi diverse:

-       Legge n. 100 del 1987 (nell’articolo 1)

-       Legge n. 266 del 1999 (nell’articolo 17)

 

Ricongiungimento Familiare Militari: Legge n.100 del 1987

L’articolo 1 della legge n.100 del 1987, al comma 5, fissa che “il coniuge convivente del personale militare di cui al comma primo che sia impiegato in una amministrazione statale ha diritto, all’atto del trasferimento, ad essere impiegato, in ruolo normale, in soprannumero e per comando, presso le rispettive amministrazioni site nella sede di servizio del coniuge, o, in mancanza, nella sede più vicina.”

 

Ricongiungimento Familiare Militari: Legge n.266 del 1999

 

Questa regola invece prevede che “il coniuge convivente del personale in servizio permanente delle forze armate, compresa l’Arma dei carabinieri, del Corpo della Guardia di finanza e delle Forze di polizia ad ordinamento civile e degli ufficiali e sottufficiali piloti di complemento in ferma dodecennale di cui alla legge 19 maggio 1986, n. 224, nonché del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, trasferiti d’autorità da una ad altra sede di servizio, che sia impiegato in una delle amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, ha diritto, all’atto del trasferimento o dell’elezione di domicilio nel territorio nazionale, ad essere impiegato presso l’amministrazione di appartenenza o, per comando o distacco, presso altre amministrazioni nella sede di servizio del coniuge o, in mancanza, nella sede più vicina.”

 

Ricongiungimento Familiare Militari: Diritti

 

ricongiungimento familiare militari

Foto: miolegale.it

Le due disposizioni viste in precedenza offrono al dipendente pubblico, coniuge di un militare trasferito d’autorità, il diritto al ricongiungimento familiare militari tramite trasferimento, comando o distacco dall’ente pubblico di appartenenza.

Comando e distacco

Si tratta di uno strumento che permette ai dipendenti pubblici, con un contratto a tempo indeterminato, di prestare temporaneamente servizio presso un dipartimento diverso della stessa amministrazione oppure presso un’amministrazione diversa.

Sono pero casi eccezionali usati quando esiste la necessità di risorse. Infatti, secondo i giudici, l’uso indiscriminato di questi fenomeni possono danneggiare gli interessi della propria amministrazione. La corte costituzionale però considera che questi fenomeni, il comando e il distacco, non sono una violazione se cercano di ottenere il ricongiungimento familiare militari, un diritto fondamentale della persona umana.

Per ottenere il ricongiungimento familiare militari è necessario che, all’atto di trasferimento del militare, il coniuge dello stesso sia con lui convivente. Inoltre, questo diritto è soltanto applicabile nel caso in cui il trasferimento del militare avvenga di autorità prima del termine quadriennale di permanenza nella sede, ed esclusivamente nell’ambito del territorio nazionale.

Nel caso di militari trasferiti all’estero, il coniuge ha diritto alla aspettativa prevista dalla legge  11 febbraio 1980 n. 26. (Consiglio di Stato, sez. IV, 28/11/2005, n. 6706)

 

Chi può richiedere il ricongiungimento familiare militari?

 

I militari che possono accedere e fare richiesta di ricongiungimento familiare militari sono:

-       Militari con un contratto di matrimonio civile

-       Almeno 4 anni di servizio fuori dalla regione in cui chiede il ricongiungimento familiare militari

-       Coniuge con un contratto di lavoro a tempo indeterminato da almeno 4 anni

-       Che il coniuge sia residente da almeno 10 anni nella regione in cui si chiede la ricongiunzione familiare militari

-       Che il dipendente non abbia fruito distacco o missione continuativa per più di due mesi nella regione in cui chiede il ricongiungimento familiare militari

 

 

Fonti: avvocatomilitare.it / Clubuds.com

 

 

Share and Enjoy


Leave a Reply