Pensione Militare: Facciamo Un Po’ Di Ordine

4 febbraio 2013 posted by Staff
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
Pensione Militare: Facciamo Un Po’ Di Ordine 4.00/5 (80.00%) 1 Vota questo articolo

Pensione Militare: Se in una prima fase la pensione militare era rimasta indenne dalla tempesta Fornero e dal suo decreto di armonizzazione, con un regolarmente successivo anche questa è entrata nel vortice del ministro dimissionario.

 

Pensione Militare: Sindacati e istituzioni lontani da un accordo

 

pensione militare“Vengono gradualmente incrementati i requisiti richiesti per la pensione di vecchiaia del personale militare delle Forze armate, compresa l’Arma dei carabinieri, la Guardia di finanza, le Forze di polizia a ordinamento civile e i Vigili del fuoco nel rispetto delle peculiarità ed esigenze di queste categorie”. Così annunciava palazzo Chigi, l’arivo del regolamento per la pensione militare”.

Sull’altro fronte della pensione militare rispondono i sindacati di categoria che non sono affatto soddisfatti di questi cambiamenti sull’accesso alla pensione militare: “non solo manca ancora la previdenza integrativa, ma non si rendono conto che così avranno presto una polizia geriatrica (…) I cittadini si accorgeranno presto di quale sarà l’effetto sulla sicurezza”. A dirlo è Nicola Tanzi, segretario del sindacato autonomo di polizia Sap a seguito dell’inutile pressing esercitato dal Cocer e da tutti gli altri sindacati per evitare l’approvazione di questo regolamento che di fatto peggiora una situazione già tutt’altro che rosea in tema di pensione militare.

 

Cosa cambia di fatto per la pensione militare?

 

Con la riforma Fornero in tema di pensioni, per i militari si potrà accedere alla pensione anticipata con almeno 42 anni e 3 mesi di servizio (contro i 40 previsti prima necessari per la pensione di anzianità).

Per la pensione militare, in particolare per la categoria dell’esercito e della polizia di stato rimangono in variati i   cinque anni di contributi figurativi che concretamente trasformano i 35 anni di contributi effettivi se come fossero 40.

Non subisce modifiche neanche il sistema delle quote in tema di pensione militare secondo cui i militari possono ricevere l’assegno della pensione quando la somma dell’età anagrafica e dei contributi versati raggiunge una determinata soglia, che verrà fissata a 99 entro i prossimi 7 anni. Nel 2019, ad esempio potranno godere della pensione i militari che avranno compiuto 61 anni di età e avranno raggiunto 38 anni di contribuzione.

In tema di pensione militare rimane invariata anche la cosiddetta «ausiliaria» di cinque anni. Unica nota positiva del regolarmente di armonizzazione della pensione militare riguarda la non applicabilità del criterio sull’aspettativa di vita che avrebbe ulteriormente aumentato la soglia prevista per l’accesso alla pensione degli appartenenti al comparto sicurezza.

 

Come Fare Per Ottenere La Pensione Militare

 

I militari che vogliono presentare domanda per la propria pensione, come gli altri dipendenti pubblici, dovranno avanzare richiesta in via telematica accedendo al sito INPS tramite il PIN oppure chiamato in numero verde 803164. Nell’area del sito INPS riservata alle pensioni dei militari sono riportate tutte le modalità operative per procedere alla presentazione della domanda di accesso.

L’accesso in via telematica per la richiesta di pensione militare dallo scorso 11 gennaio è diventato l’unico percorso di accesso praticabile.

A fronte degli attacchi arrivati da più parti su questa riforma della pensione militare, il Ministro Fornero è stata decisa affermando “l’irrinunciabile esigenza di riforma e la necessità di salvaguardare le diverse peculiarità dei settori interessati”. I sindacati sono di ben altro avviso e lamentano ancora troppa confusione e poca chiarezza sulla pensione militare. E soprattutto lamentano un ristretto coinvolgimento delle associazioni di categoria nelle sedi decisionali per un argomenti così strategico e importante come quello della pensione militare.  Mancanza di fatto non negata dalle istituzioni, le quali però non promettono un futuro più attivo.

 

Fonte: lastampa / panorama / ilsole24ore  / termometropolitico

 

Valentina

Share and Enjoy


Leave a Reply