Vota Questo Articolo

Parte l’esercitazione “Multilayer 2012”.

L’aeroporto militare “Pierozzi” di Brindisi ha accolto la partenza dell’esercitazione “Multilayer 2012”, che ha l’obiettivo di migliorare le risorse militari e la capacità di interazione tra i diversi componenti, civili e militari, dell’Unione Europea per fare fronte con maggior precisione a crisi ed episodi ostili a livello internazionale.

 

A dirigere il comando è la Divisione “Acqui” di San Giorgio a Cremano (NA). La squadra della Forza Militare Multinazionale è composta da integranti di tutte e quattro le Forze Armate italiane (Esercito, Marina, Aeronautica e Arma dei Carabinieri) ma anche da esponenti militari di altri paesi alleati: Austria, Belgio, Bulgaria, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Irlanda, Olanda e Regno Unito.

 

 

Multilayer 2012: Obiettivi

 

Il principale scopo di questa formazione è testare e migliorare le procedure europee in materia di gestione di crisi. In questo senso è prevista l’integrazione di gruppi di pianificazioni composti tanto da personale militare come di personale civile. Nel concreto, sono presenti esperti militari, funzionari e dirigenti provenienti da altre amministrazioni dello Stato, quali il ministero degli Esteri e il ministero degli Interni.

 

Tecnologia Militare

 

Grazie ai moderni sistemi di telecomunicazione utilizzati, tutte le fasi del processo di pianificazione avverranno congiuntamente all’European External Action Service (EEAS) di Bruxelles in Belgio e all’Operation Headquarters di Potsdam in Germania.

 

Fonte: Analisidifesa

 

Share and Enjoy


Leave a Reply