Vota Questo Articolo

Dal 2006 lotta contro le gravissime malattie insorte dai vaccini che hanno introdotto nel suo colpo un concentrato di metalli pesanti.

 

Foto: Nuova Venezia

David Gomiero voleva fare il carabiniere, come suo padre, così segue questa traiettoria:

-       5 giugno 2006: si arruola nell’85 Reggimento “Verona” di Montorio Veronese in ferma volontaria prefissata di un anno

-       18 giugno 2006: risulta vincitore della maratona sul monte Bondone

-       19 giugno 2006: viene obbligato a un ciclo di vaccini dal medico militare

Lì finisce il sogno. David aveva 24 anni.

-       27 giugno 2006: viene mandato a casa in licenza per convalescenza

-       31 ottobre 2006: viene congedato

 

A raccontare la storia è stata sua madre, Silvana Miotto, che ieri ha portato il caso al Senato.

“Tutta colpa dei vaccini somministrati all’inizio della leva: vaccinazioni multiple e, per di più irregolari”. Silvana ricorda come dopo la somministrazione dei vaccini David si sentiva sempre più male, con nausea, astenia e fotosensibilità.

Da quel momento David non è più tornato ad essere quello di prima, in quanto “risulta invalido al 90 %”.

Ma la cosa peggiore, secondo racconta la madre, è che David viene accusato di abbandono del corpo militare da parte dalla propria amministrazione. Un delitto per il quale viene assolto il 3 marzo 2009 “perché il fatto non sussiste”.

 

 

Vaccini ai militari: Chi è il responsabile?

 

Per la famiglia di David, ovviamente, non è sufficiente la sua assoluzione per un reato che sembrava non avere molto senso. Come ben dice la mamma Silvana, è necessario sapere la verità sulle cause che hanno messo David in una situazione del genere. David “è giunto qui in tribunale in carrozzella e deambulante con le stampelle, apparendo in condizioni smagrite e ben più precarie di quelle evidenziate dalle fotografie del recente passato”.

Sono molti gli analisi, in Italia e all’estero, a cui si è sottoposto il corpo di David. Un corpo che, secondo Silvana Miotto, è un concentrato di metalli pesanti. Gli analisi evidenziano la presenza di alti livelli di mercurio, arsenico, alluminio e piombo, l’iperattività della tiroide, un deficit del sistema immunitario con tendenza a malattie virali.

Non è possibile che nessuno risponda per questa situazione. Chi si prende la responsabilità dei vaccini procurati ai soldati? Vengono informati sui diritti a dire NO ai vaccini? Qualcuno spiega a loro a cosa consistono questi vaccini?

 

La parola a voi.

 

 

Fonti: Affaritaliani.it, La Nuova di Venezia e Mestre, Il Corriere della Sera.

 

 

 

Share and Enjoy


Leave a Reply