Che cos’è la guerra?

20 giugno 2012 posted by Staff
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
Vota Questo Articolo

La maggior parte delle persone non lo sanno e non lo sapranno mai, meglio così, mi viene da dire. Possiamo immaginare, vedere dei film, chiedere a chi ha vissuto questo tipo di esperienze ma non lo sapremo mai. Io lo immagino come l’inferno in vita, come fuoco e rosso dappertutto, come caldo, come lacrime, come paura.

Immagino la guerra come innocenti morti, come impotenza, come ansia e come rumore che rompe i timpani. Immagino la guerra come quello che non voglio, vorrei che qualcuno mi spiegasse a cosa serve? Sicuramente sarà utile, come utile è anche il nostro Esercito Italiano, ma non voglio più sentire che la guerra viene giustificata per trovare la pace, perché lì non ci sto. Come ha detto una volta John Lennon, combattere per la pace e come fare sesso per la verginità. È assolutamente incoerente.

Se si tratta di difendere innocenti, garantire la sicurezza del nostro paese o attaccare i malvagi ci sono e lo capisco, il mio cuore sarà sempre a supportare il coraggio dei nostri soldati. Ma basta dire che la guerra è per la pace.

Su questo argomento si è pronunciato in questi giorni il Ministro di Difesa, Giampaolo Di Paola, il quale considera che i giovani hanno “un’interpretazione semplicista della guerra”. Inoltre, ha affermato che “a nessuno piace la guerra e nessuno di noi vuole la guerra, ma se non ci attrezziamo anche militarmente è impossibile oggi pensare di garantire la sicurezza. Purtroppo la violenza fa parte della realtà in cui oggi viviamo”.

Se i giovani abbiamo una visione semplicista delle cose, che non penso, bisogna spiegare le cose meglio. Bisogna mostrare e giustificare invece di imporre. Ad oggi in Italia ci sono tanti giovani con un senso del dovere e di amore al proprio paese che i nostri politici, sicuramente, non riescono ad immaginare. Non possono capirlo perché sono troppo preoccupati a fare somme e reste in una camera chiusa, senza vedere il sole di fuori: i sorrisi e le voglie di studenti, giovani soldati e universitari che vogliono mandare il paese avanti, oltre la crisi, oltre i loro tagli e oltre la mancanza di fiducia di quelli che ci rappresentano.

 

 

Share and Enjoy


Leave a Reply