Archivi per la categoria 'Avanzamento ufficiali'

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
Tutto Quello Che Devi Sapere Su Avanzamento Primo Maresciallo 4.44/5 (88.89%) 9 Vota questo articolos

Avanzamento primo maresciallo. Per poter procedere nella propria carriera e procedere con l’avanzamento primo maresciallo è necessario partecipare a un concorso indetto con cadenza annuale.

L’avanzamento primo maresciallo indirizza il candidato a un ruolo che prevede una  preparazione altamente qualificata al fine di svolgere una professione in prima linea, stimolante e di responsabilità di comando.

In questo senso, se si estrapola dall’ambito militare, le caratteristiche che vengono richieste a coloro che perseguono l’avanzamento primo maresciallo, sono le medesime di un manager d’azienda.

 

avanzamento primo maresciallo

 

Il concorso per avanzamento primo maresciallo è a carattere interno ed è riservato ai Marescialli Capi che abbiano già maturato anzianità di servizio in questo ruolo per un numero di anni definiti sui bandi per avanzamento primo maresciallo. Questo genere di concorso interno si basa sia su prove d’esame che sulla valutazione di titoli di servizio

 

Requisiti Per Avanzamento Primo Maresciallo

 

La partecipazione al concorso per avanzamento primo maresciallo non implica l’aver svolto il servizio VFP1.  Più in particolare per poter accedere all’avanzamento primo maresciallo servono i seguenti requisiti:

-          essere in possesso del diploma di istruzione secondaria che permetta l’accesso all’università

-          non essere incorsi in sanzioni disciplinari più gravi della consegna

-          conoscenza della lingua inglese

-          essere idonei dal punto di vista fisico e psichico

Ogni bando di concorso per avanzamento primo maresciallo include anche il dettaglio dei requisiti di cui è necessario essere in possesso per poter partecipare.

 

Prove Del Concorso Per Avanzamento Primo Maresciallo

 

Come per la maggior parte dei bandi pubblici all’interno delle forze armate, anche l’avanzamento primo maresciallo prevede un concorso studiato su due prove. La prova scritta per avanzamento primo maresciallo consiste in un questionario a risposta multipla che ha lo scopo di mettere alla prova il livello di conoscenza della lingua italiana, dell’educazione civica, della matematica, della  storia e della geografia.

La prova scritta per avanzamento primo maresciallo include sempre anche argomenti di carattere attuale.

Al superamento di questa fase, segue l’accertamento della prestanza fisica con una serie di verifiche attitudinali e mediche atte a certificare l’idoneità del candidato per l’avanzamento primo maresciallo.

Una volta superate con successo tutte le prove del concorso per avanzamento primo maresciallo si viene inseriti in una graduatoria finale che dà accesso al corso formativo al termine del quale si darà concreto seguito all’avanzamento primo maresciallo.

 

 

fonte: esercito.difesa / nuoviconcorsi / forzearmate

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
Ufficiali Marina Militare: Ruoli ed informazioni su come diventarlo 2.25/5 (45.00%) 4 Vota questo articolos

Ufficiali Marina Militare: informazioni utili sui ruoli ed i corpi della Marina Militare, per un miglior orientamento degli aspiranti.

La professione degli Ufficiali Marina Militare è sempre più importante e, ad oggi, rappresenta un’ottima opportunità professionale per i giovani. Per questo motivo, l’accademia navale è sottomessa ad aggiornamenti continui proprio per rendere sempre più responsabile ed efficace la figura degli ufficiali Marina Militare.

Nell’accademia navale, gli ufficiali Marina Militare diventa un professionista con la capacità di assumersi delle responsabilità e decidere sulla vita e le mansioni dei marinai.

Tramite l’accademia navale, e in base alle responsabilità ed incarichi, si può diventare:

-          Ufficiali Marina Militare Ruolo Normale

-          Ufficiali Marina Militare Ruolo Speciale

 

Accesso al ruolo Ufficiali Marina Militare

 

Ufficiali Marina Militare:  Ruolo Normale

Per diventare ufficiali marina militare del ruolo normale è necessario essere diplomati e realizzare i “corsi normali” oppure essere laureati ed accedere al ruolo tramite i “corsi a nomina diretta”.

Il ruolo normale degli ufficiali dell’accademia navale permette di raggiungere i massimi livelli di direzione e i più alti incarichi nell’ambito della Marina Militare e della difesa in generale

 

Ufficiale Ruolo Speciale

 

Questo ruolo presso l’accademia navale consente l’accesso e sviluppo di una carriera tecnico-operativa presso la Marina Militare e l’ ottenimento del titolo di Capitano di Vascello.

 

Ufficiali Marina Militare: Ruolo Aussiliare

 

ufficiali marina militare

Foto: Marina Militare

A regolare i ruoli della Marina Militare, Accademia Navale, è l’articolo 1 del Decreto Legislativo n. 490 / 1997. Ma, ai sensi del D.Lgs. n. 215/2001, esiste una categoria di ufficiali marina militare ausiliari che include i cittadini, donne e uomini, reclutati in qualità di:

-          Ufficiali Marina Militare di complemento in servizio di prima nomina, in ferma o in congedo che possono essere reclutati se viene ristabilito l’ arruolamento obbligatorio.

-          Ufficiali Piloti di complemento in ferma duodecennale

-          Ufficiali Marina Militare in ferma prefissata o in rafferma

-          Ufficiali Marina Militare delle forze di completamento

 

Riguardo gli ufficiali Marina Militare ausiliari, la legge prevede che, l’arruolamento può avvenire unicamente nel caso di specifiche e mirate esigenze delle singole Forze armate connesse alla carenza di professionalità tecniche nei rispettivi ruoli ovvero alla necessità di fronteggiare particolari esigenze operative”.

 

Corpi Ufficiali Marina Militare

All’interno del ruoli gli ufficiali marina militare sono ripartiti in:

  • Corpo di Stato Maggiore;
  • Corpo del Genio Navale;
  • Corpo Sanitario militare marittimo;
  • Corpo di Commissariato militare marittimo;
  • Corpo delle Capitanerie di porto.

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
Stipendi Soldati. Difficile Non Perdere La Speranza… 2.20/5 (44.00%) 5 Vota questo articolos

Questa spending review e questa crisi stanno mietendo più vittime della più brutale delle guerre. Imprese che chiudono i battenti, pensioni ridotte all’osso e stipendi sempre più bassi. Non certo segnali ottimali se si vuole far riprendere l’economia.

Specialmente per quanto riguarda le retribuzioni. In questo articolo ci vogliamo concentrare sugli stipendi soldati, un comparto  che svolge compiti all’apparenza di poca praticità per il cittadino comune ma che di fatto ci permette di far fronte a situazioni naturali disastrose interne come terremoti e di portare aiuto in collaborazione con altri stati in territori di guerriglia. Come sta accadendo per l’Afghanistan, l’Iraq e molte altre zone difficili del mondo.

 

stipendi soldati

 

Ma anche il lavoro all’interno dei confini dello stato è di fondamentale importanza. L’esercito infatti  interviene a supporto della Protezione Civile in caso di calamità naturali e collabora spesso per il mantenimento della sicurezza interna dello Stato.

 

Pensare che gli stipendi soldati non vengono distinti per la specificità del ruolo, ma vengono fatti rientrare nel calderone dei tagli e delle tasse è triste oltre che profondamente ingiusto. Non che si possa ritenere giusta una riduzione di retribuzione in qualunque settore pubblico, ma nel comparto sicurezza, le decurtazioni fanno ancora più male.

 

La situazione delle retribuzioni per i dipendenti pubblici nella quale rientrano anche gli stipendi soldati è bloccata dal 2010 e lo rimarrà almeno fino al 31 dicembre prossimo. Questo per il comparto sicurezza riguarda qualcosa come 10.000 militari impegnati in missioni internazionali e in affiancamenti a carabinieri e polizia nel mantenimento dell’ordine pubblico.

 

Parlando di stipendi soldati non si può non parlare di numeri.  Un caporale maggiore in servizio permanente guadagna circa 1.250 euro al mese, un pari grado non in servizio permanente solo 900. Nel caso di promozione lo stipendio non varierebbe di un centesimo. Stesso discorso vale anche per gli ufficiali. Dunque avanzamenti di carriera, responsabilità e personale più o meno numeroso sotto il proprio comando, non incidono minimamente sugli stipendi soldati.

Il fatto che non si vedano scendere in piazza i nostri militari, sebbene ne avrebbero tutti i diritti, è un sollievo e la riprova del fatto che sono un comparto responsabile e totalmente devoto allo stato e alle sue scelte, anche quando queste sono penalizzanti per loro stessi; il loro delicato ruolo sociale gli impedisce di protestare come tutti gli altri dipendenti pubblici. Anche di questo bisogna tener conto prima di trattarli come semplici dipendenti statali.

 

 

Fonte: ilgiornale / lanotiziagiornale / formiche

 

 

Share and Enjoy

Avanzamento a Scelta Sottufficiali: Chiarimenti

4 marzo 2013 inviato da Staff
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
Vota Questo Articolo

Avanzamento a scelta sottufficiali

avanzamento a sceltaL’avanzamento a scelta sottufficiali  viene regolato dal decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66 e queste sono le principali regole per l’avanzamento a scelta sottufficiali:

  1. Tanto nell’esercito italiano, come nella marina militare o l’aeronautica militare, l’avanzamento a scelta sottufficiali avviene secondo le modalità presenti nell’articolo 1059.
  2. Le eccezioni alla regola, per l’avanzamento a scelta sottufficiali, sono regolate dall’articolo 1282. In base a quest’articolo, le promozioni da conferire sono:
  •    Il primo terzo dei sergenti iscritti nel quadro d’avanzamento a scelta e’ promosso al grado superiore in ordine di ruolo con decorrenza dal giorno successivo a quello del compimento del periodo di permanenza;
  •    Gli altri due terzi sono sottoposti ad ulteriori valutazioni per l’avanzamento a scelta, all’epoca della formazione delle corrispondenti aliquote di scrutinio dell’anno successivo. Di essi: una metà è promossa in ordine di ruolo, dietro apposita valutazione, con un anno di ritardo rispetto al periodo di permanenza stabilito dalla legge. La seconda metà, invece, è promossa in ordine di ruolo, dopo valutazione, con due anni di ritardo.

3. Per l’avanzamento a scelta, i sottufficiali sono promossi dopo la data di promozione del pari grado precedente

4. I sottufficiali esclusi dalle aliquote di valutazione per l’avanzamento a scelta, per motivi di cui all’articolo 1051, se sono considerati idonei, prendono posto in base al punteggio globale conseguito, nella graduatoria di merito dei pari grado.

5. Per la valutazione e le graduatorie per avanzamento a scelta, sono valutati i titoli culturali e le capacità professionali di ogni sottufficiale.

 

Fonte: Sergenti.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
Ufficiali Esercito: Annuario Ufficiale e Guida su Come Diventare Ufficiale 2.56/5 (51.11%) 9 Vota questo articolos

Ufficiali Esercito. Vuoi conoscere meglio la struttura delle Forze Armate Italiane? Vuoi sapere al dettagli qual è l’organigramma interno delle principali forze militari? Vuoi conoscere chi sono ad oggi gli ufficiali esercito? Ora è possibile, grazie all’edizione aggiornata dell’Annuario Ufficiale delle Forze Armate nel quale sono presenti tutti gli ufficiali esercito e i generali delle diverse forze armate.

 

Ufficiali Esercito: Annuario Ufficiale delle Forze Armate

Il Ministero di Difesa ha pubblicato recentemente, l’Annuario Ufficiale delle Forze Armate. In questo documento sono registrati gli ufficiali esercito e i principali rappresentanti delle Forze Militari Italiane: Marina Militare, Esercito Italiano e Aeronautica Militare. Nello specifico, sono stati aggiornati i limiti di età per lo svolgimento di ogni ruolo delle nostre Forze Militari e dati particolari (nascita, anzianità e anzianità di grado) riguardo i diversi generali e ufficiali, nei diversi ruoli.
Inoltre, nell’Annuario Ufficiale delle Forze Armate è possibile trovare il significato dei diversi segni grafici convenzionali per catalogare ogni militare, ufficiali esercito, in base al ruolo e al grado.
Per scaricare l’Annuario Ufficiali Esercito, clicca sopra l’immagine.

ufficiali esercito

 

 

Come diventare Ufficiali Esercito?

Se sei un militare
Per accedere ai concorsi interni ufficiali esercito, è necessario appartenere al ruolo sergenti o al ruolo volontari in servizio permanente, oppure essere un volontario in ferma breve con almeno 1 anno di servizio.
Se non sei un militare
Diventare ufficiali esercito italiano significa, tra l’altro, assumere responsabilità su diversi incarichi operativi e di comando, dentro delle Forze Armate. L’accademia militare, per chi volesse raggiungere il ruolo di ufficiali esercito, offre una laurea in Scienze Strategiche, in Ingegneria, Medicina e Chirurgia, Veterinaria o Farmaceutica, con un livello di qualificazione elevato per poter accedere alla categoria di ufficiali esercito.
Le principali mansioni degli ufficiali esercito sono dirigere operazioni militari e difendere la libertà del paese, non solo in Italia, ma soprattutto nelle missioni all’estero.

Qui troverai ulteriori informazioni su l’Avanzamento Ufficiali nell’Esercito: Valutazione Avanzamento Ufficiali

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
Avanzamento Luogotenente: Conferimento della qualifica di Luogotenente a 1000 primi Marescialli 2.70/5 (54.00%) 40 Vota questo articolos

Avanzamento Luogotenente: Decreto dirigenziale n.352 del 31 gennaio 2013, conferimento, in ordine di ruolo, della qualifica di luogotenente con decorrenza assoluta dal 1 gennaio 2011 a 1000 primi marescialli dell’Esercito Italiano.

Il Ministero di Difesa ha pubblicato, con circolare n° M_D GMIL1 II 5 2 0031945 del 1 febbraio 2013 di avanzamento luogotenente, l’elenco dei primi Marescialli dell’Esercito Italiano ai quali è stata conferita la qualifica di Luogotenente. Si tratta di militari compresi nell’aliquota del 31 dicembre 2010.

 

Decreto dirigenziale n. 352 del 31 gennaio 2013, conferimento, in ordine di ruolo, della qualifica di Luogotenente con decorrenza assoluta dal 1° gennaio 2011.

 

Vai al Decreto per controllare: Avanzamento Luogotenente

avanzamento luogotenente

Primo Maresciallo Luogotenente Esercito

Avanzamento Luogotenente

 

Il primo maresciallo luogotenente è un grado, dentro dell’Esercito Italiano, che viene attribuito soltanto quando vengono rispettati alcuni requisiti. Ad esempio, per ottenere questa qualifica è necessario aver compiuto 14 anni di permanenza nel grado di primo maresciallo in una delle tre forze armate (Esercito Italiano, Marina Militare e Aeronautica Militare) oppure 15 anni nel caso di marescialli aiutanti dell’Arma dei Carabinieri.

 

Come diventare primo maresciallo luogotenente?

 

Esercito Italiano

 

Nel caso dell’esercito, il grado di primo maresciallo luogotenente viene attribuito a scelta dopo 14 anni di appartenenza nel grado di primo maresciallo. È il grado finale del ruolo Marescialli.

 

 

 

Marina Militare

 

Nel caso della Marina, il primo maresciallo luogotenente è un rango attribuito al grado più alto dei sottufficiali dell’istituzione, superiore al primo maresciallo e al capo di prima classe.

 

Aeronautica Militare

 

Il primo maresciallo luogotenente, nell’Aeronautica Militare, è il rango più elevato dei marescialli ed è superiore al primo maresciallo e al maresciallo di prima classe.

 

Fonti: Ministero Difesa / Wikipedia

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
Avanzamento Ufficiali: nuove norme per le commissioni di valutazione 2.78/5 (55.56%) 9 Vota questo articolos

avanzamento ufficialiAvanzamento ufficiali. Il ministero di Difesa ha appena pubblicato una circolare con nuove direttive che dovranno usare le commissioni di avanzamento ufficiali nelle valutazioni. L’obiettivo di questa circolare è quello di evitare confusioni e la proliferazione di termini multiformi che potessero implicare dubbi oppure  interpretazioni diverse nel merito di avanzamento ufficiali.
In questo senso, d’ora in poi sarà necessario utilizzare espressioni tipizzate come: ottima – molto buona – buona – sufficiente – carente – insufficiente; nelle valutazioni per l’avanzamento ufficiali.

Avanzamento ufficiali

Si tratta della standardizzazione della terminologia valutativa che aiuterà inoltre a semplificare il lavoro della propria commissione di avanzamento ufficiali.
In ogni caso, le commissioni valutatrici conservano la possibilità di usare espressioni di significato equivalente a quelle viste precedentemente senza che ciò determini la illegittimità del documento e il conseguente intervento correttivo di questa Direzione Generale.

 

Fonte: ministero difesa

Share and Enjoy

Concorso Avanzamento Marescialli

19 ottobre 2012 inviato da Staff
  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
Vota Questo Articolo

Il Ministero di Difesa ha approvato la graduatoria di merito dei Marescialli Capo che hanno risultato idonei al 15° concorso interno, per titoli di servizio ed esami, per l’avanzamento al grado di Primo Maresciallo in servizio permanente dell’Esercito, indetto con il decreto dirigenziale 30 marzo 2012, n. 932.

Ecco qui l’elenco

 

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
Vota Questo Articolo

Promozione al grado superiore dei Marescialli Capo, ruolo Marescialli dell’Esercito, compresi nell’aliquota di avanzamento riferita la 31 dicembre 2009.

 
Il Ministero della Difesa pubblica l’elenco con i 626 Marescialli Capo dell’Esercito, in servizio permanente, che sono stati promossi, con decreto dirigenziale al grado di Primo Maresciallo, con decorrenza assoluta dal 1° gennaio 2010.

 
I corrispondenti comandi di appartenenza saranno correttamente avvertiti e dovranno autorizzare a concedere il nuovo grado agli interessati.

 
Ecco qui l’elenco.

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
Vota Questo Articolo

Fino al 19 luglio è possibile presentare le iscrizioni per i concorsi, per titoli ed esami, per il reclutamento di complessivi 96 ufficiali in servizio permanente.

 

Questi sono i posti disponibili:

-          70 posti di ufficiale in servizio permanente nel ruolo speciale delle Armi di fanteria, cavalleria, artiglieria, genio, trasmissioni dell’Esercito;

-          14 posti di ufficiale in servizio permanente nel ruolo speciale dell’Arma dei trasporti e dei materiali dell’Esercito;

-          12 posti di ufficiale in servizio permanente nel ruolo speciale del Corpo di commissariato dell’Esercito.

 

 

Ecco il Decreto

 

 

Le tempistiche per le prove dei concorsi sono:

a) 10 settembre 2012, per il concorso di cui all’art. 1, comma 1, lettera a) del bando;

b) 19 settembre 2012, per il concorso di cui all’art. 1, comma 1, lettera b) del bando;

c) 24 settembre 2012, per il concorso di cui all’art. 1, comma 1, lettera c) del bando.

Tutte le prove saranno effettuate nel Centro di selezione e reclutamento nazionale dell’Esercito di Foligno, caserma “Gonzaga del Vodice”, viale Mezzetti n. 2. Se ci fossero del cambiamenti saranno pubblicati nel sito ufficiale del Ministero della Difesa.

 

 

Share and Enjoy