Vota Questo Articolo

Amianto Marina Militare: I vertici conoscono da 40 anni i pericoli dell’amianto per i marinai e invece, nessuno ha fatto niente. In Italia sono morti o ammalati negli ultimi anni, almeno 500 appartenenti alla Marina Militare per infermità collegate all’amianto. Secondo ha pubblicato Metro, esiste un documento che riporta uno studio realizzato nel 1969, dall’Università di Bari, nel quale esistevano già indici preoccupanti riguardo il collegamento dei primi casi di malattie all’Arsenale di Taranto.

 

Foto: ambiente e ambienti

 

Infatti, su 269 persone esaminate, 27 presentavano sintomi di malattie asbesto correlate, mentre che per altri 42 persone le probabilità erano molto elevate. Il documento è stato ora riportato dall’avvocato Ezio Bonanni, presidente dell’Osservatorio amianto, ai magistrati di Padova che stanno terminando l’inchiesta sulle morti di marinai. L’avvocato Bonanni, alla domanda sulla conoscenza della Marina Militare riguardo la pericolosità dell’amianto ha risposto: “Si, sapeva che l’amianto è un cancerogeno, e comunque un agente patogeno”.

È triste. Ed è triste perché in Italia ci sono, ad oggi, decine e decine di militari della Marina Militare e di familiari di militari morti che lottano ancora non solo per andare avanti, quelli che hanno ancora la possibilità, ma anche per ricevere spiegazioni. Non hanno mai avuto risposte né supporto della Marina Militare.

 

 In molte occasioni abbiamo già denunciato la mancanza di responsabilità delle autorità della Marina Militare, se ad oggi addirittura sappiamo che erano conosciuti i rischi…..é triste. Amianto Marina Militare: le denunce e la rabbia dei militari coinvolti Molti dei marinai o dei soldati italiani ammalati non denunciano mai. Forse per paura, magari per mancanza di speranze riguardo il supporto dell’ente….Non è chiaro, ma la maggior parte di loro si sente deluso e tradito da un’istituzione alla quale ha giurato onore, protezione e servizio.

 

Alla quale ha dedicato anni di sacrifici. Non è giusto. Molti ammalati di amianto hanno oltre 50 anni, che possibilità ci sono per queste persone ora, assolutamente abbandonate dalla Marina Militare? E i suoi familiari?….quanta sofferenza.

 

Un marinaio, intervistato da Metro, che ha preferito rimanere nel anonimato ha assicurato che “le navi della marina Militare non potranno mai essere del tutto bonificate perché a bordo, l’amianto è dappertutto”. A Esercito Italiano Blog abbiamo conosciuto anche il caso di Lorenzo Motta, arruolato nella Marina Militare dal 2002, vittima dal Linfoma di Hodgkin dal 2005. Anche lui è stato assolutamente abbandonato dalla Marina e, continua a lottare oggi.

 

A questo punto bisogna chiedere cosa succederà nel futuro ai nostri marinai? Che garanzie di sicurezza hanno? Come verranno protetti da un rischio evidente e saputo?

Sinceramente, la risposta mi spaventa.

 

Fonte: Metro News

 

 

 

 

Share and Enjoy


Leave a Reply